Polenta Pasticciata

Polenta pasticciata

La polenta pasticciata è un piatto molto usato nel Nord Italia e in particolare nel milanese. Anche questo è considerato un piatto povero in quanto prodotto con farina di granturco o mais. D’inverno mi piace farla, soprattutto la domenica. La ricetta che vi presenterò verrà accompagnata da un ottimo ragù, però questo piatto viene spesso preferito dagli amanti della cacciagione che sostituiscono il ragù con uccelletti in umido, lepre o cinghiale. Vediamo la ricetta.

difficolta polenta pasticciata

Difficoltà

tempo_cottura polenta pasticciata

Tempo di Preparazione

Bassa

60 min

Ingredienti per 4 persone:

– 1 lt di latte
– 250 gr di farina gialla di granoturco
– sale q.b.
– 100 gr parmigiano reggiano
ragù (guardate la ricetta o per fare più veloce prendetelo pronto)
besciamella (guardate la ricetta o per fare più veloce prendetela pronta)

Preparazione:

Iniziate facendo una polenta abbastanza soda di farina di granoturco e latte. Fate bollire il latte e poi togliete la pentola dal fuoco versando la farina a pioggia per evitare la formazione di grumi. Rimettete la pentola sul fuoco e mescolate fin quando la polente non sarà diventata soda (di solito 40 minuti). Circa 2 minuti prima di ritirarla dal fuoco salatela e stendetela sulla spianatoia, in modo che sia spessa circa 2 dita.

Appena fredda, tagliatela a fette di circa mezzo centimetro che metterete poi in un vassoio da forno nel seguente modo.

A questo punto dovrete aver pronti il ragù e la besciamella.

Fate un intingolo con un minimo di ragù e besciamella nel fondo del vassoio e cospargetelo con un po’ di parmigiano. Adesso disponete le fette di polenta fino a riempire il vassoio. Ripetete queste due operazioni fino a terminare le fette. Ricordate che l’ultimo strato deve essere di ragù e besciamella cospargendoli sopra con il resto del parmigiano.

Adesso infornate il vassoio in forno preriscaldato a 180°-200° fin quando non si sarà formata una bella crosticina dorata.

Bellissimo! La vostra polenta pasticciata è pronta per essere servita.

print

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *